Dettaglio Prodotto

Home Brasile 1950

Brasile 1950

Categoria: Palloni mondiali





QUARTA EDIZIONE

Si svolse, dopo una lunga pausa dovuta alla Seconda guerra mondiale, in Brasile dal 24 giugno al 16 luglio 1950. Le città ospitanti furono Belo Horizonte, Curitiba, Porto Alegre, Rio de Janeiro e São Paulo.

L'Italia, inserita nel girone da tre con Svezia e Paraguay perse all'esordio contro gli scandinavi per 3-2, un risultato che la condannò visto che i rivali pareggiarono l'incontro successivo con il Paraguay rendendo inutile la vittoria finale azzurra sui deboli sudamericani. I motivi del crollo italiano sono forse riconducibili ai tanti anni passati da quelli dell'impeccabile Italia di Pozzo e, soprattutto, alla tragedia di Superga, che solo un anno prima aveva privato la squadra di almeno nove undicesimi dei suoi titolari. Soprattutto, lo shock di Superga aveva lasciato pesanti tracce sulla psicologia di tutto il calcio italiano. L'emozione degenerò in psicosi quando la delegazione azzurra si rifiutò di prendere l'aereo per recarsi in Brasile e preferì alla trasvolata oceanica un massacrante viaggio in nave da Napoli a São Paulo, lungo tre settimane. I calciatori arrivarono in Sud America stanchi e poco allenati, visto che i palloni erano finiti tutti in mare dopo pochi giorni.

La più grande sorpresa della fase preliminare arrivò comunque dai maestri dell'Inghilterra che, dopo l'esordio vittorioso contro il Cile, persero incredibilmente contro gli Stati Uniti: un 1-0 a cui molti tifosi inglesi, leggendo i quotidiani l'indomani, non vollero credere, immaginando un errore di stampa, e che in molti ritengono tuttora uno dei momenti più scioccanti della storia dello sport anglosassone. I britannici persero per 1-0 anche contro la Spagna e furono così eliminati al primo turno a vantaggio degli iberici.

Al girone finale presero dunque parte la Svezia, la Spagna, l'Uruguay (che aveva battuto 8-0 la Bolivia nell'unico gironcino a due), e i padroni di casa del Brasile, largamente favoriti. Dopo due giornate, il Brasile conduceva la classifica del girone con 4 punti, frutto di due roboanti vittorie (13 gol fatti e due subiti) contro le due europee. Inseguiva un Uruguay che, nelle prime due partite del girone finale, aveva faticato più del previsto, ma che era ormai l'unico a poter togliere alla squadra ospitante, a cui sarebbe bastato un pareggio, la gioia del primo titolo. Quella che era praticamente una finale venne disputata il 16 luglio 1950 di fronte a un pubblico di oltre 170.000 persone (ma stime non ufficiali parlano di almeno 200.000) allo Stadio Maracanã di Rio de Janeiro.

La nazionale brasiliana abbandonò persino il vecchio colore delle casacche per passare ad una divisa verde e oro che riprendeva i colori della bandiera nazionale. L'Uruguay invece festeggiò la seconda vittoria in due partecipazioni.

Le squadre partecipanti:

Bolivia, Brasile, Cile, Inghilterra , Italia, Jugoslavia, Messico, Paraguay,  Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Uruguay.

Le squadre ritirate o squalificate:

India, Scozia, Turchia

Lascia il tuo Commento


Privacy